============================

MARGINONE  -  STAFFOLI  3-3

 

04-11-2018 -  Con lo Staffoli non è mai finita. Partita pirotecnica che fino all'ultimo secondo ha tenuto gli spettatori inchiodati sugli spalti per una carambola di reti mai finita. Marginone al terzo pareggio consecutivo che vede scappare via in vetta alla classifica la matricola Forte dei Marmi e Staffoli mai domo 

che prende un brodino quando ormai sembrava cosa fatta la quarta sconfitta stagionale. Ma andiamo con ordine. 

Squadra di casa costretta a fare la partita per alimentare le aspirazioni di vertice e per  tornare al successo dopo due pareggi consecutivi:  già al 13' è l'incrocio dei pali di Cintolesi a tremare su tremenda bordata di Pistoresi, sulla ribattuta Rotunno costringe in angolo l'estremo difensore biancorosso. Staffoli però che passa al primo serio affondo: rilancio di Pagni  e Giannetti scattato  sul filo del fuorigioco fa secco Orsetti in uscita. Passano tre minuti e lo Staffoli avrebbe l'occasione per raddoppiare, ma Paolieri a due passi dalla porta, su prezioso assist di Saviozzi,  manca l'impatto col pallone. Da segnalare al 41' una terribile capocciata fra Sarti e Guagliardo che costringe i due giocatori a lasciare il campo. I migliori auguri di pronta guarigione ad entrambi. 

Al 42' il Marginone perviene al pari. Palla rimessa in area, difesa staffolese distratta e Rotunno sottomisura fa secco Cintolesi. Nemmeno il tempo di annotare il marcatore che Della Maggiore scodella una perfetta punizione per l'accorrente Saviozzi: piattone sotto la traversa da non più di cinque metri e Staffoli in vantaggio al riposo.  

Ripresa con gli arancio-neri locali (quest'oggi in maglia biancoverde con numeri neri quasi illeggibili) in pressione, ma Staffoli che difende con ordine almeno fino a metà tempo. Al 69' miracoloso salvataggio di Bozzolini sulla linea di porta quando il pari pareva cosa fatta. Un minuto dopo è Pistoresi direttamente su  calcio di punizione dal limite a timbrare il secondo legno personale. Il gol è nell'aria e arriva al 72'. Su azione di calcio d'angolo il più lesto è Mini a girare di piatto alle spalle di Cintolesi. Punizione, calcio d'angolo o rigore, fatto sta che si  tratta dell'ennesimo gol incassato su palla inattiva. 

Il Marginone adesso carica a testa  bassa, lo Staffoli sembra aver accusato il colpo. Al 76' un falloso Michetti si prende il secondo giallo a distanza di 10 minuti dal primo e lascia i compagni  in inferiorità numerica. 

Lo Staffoli stringe i  denti, il Marginone è come un toro incazzato davanti ad un drappo rosso e all'85' ribalta il risultato. Ancora Rotunno sfrutta un'indecisione della nostra difesa e su una palla filtrata in area si trova a tu per con tu con Cintolesi il quale non può far altro che raccogliere la terza palla nella sua rete.

Ma con lo Staffoli non è mai finita. Mossa della disperazione di Mister Bizzarri, fuori Bozzolini e dentro Petroni. 

A due minuti dal termine un'inesauribile Federico Pagni riesce a far pervenire la palla al neo entrato che  scattato sul filo del fuorigioco alla prima giocata utile pesca l'angolo destro di Orsetti in disperata uscita.

Si gioca e si combatte fino al 95' senza lesinare energie ma non accade più niente.

Il calcio toglie, il calcio dà. Domenica scorsa uscimmo immeritatamente sconfitti quando  un pari sembrava cosa fatta, quest'oggi forse raccogliamo qualcosa in più di quanto meritato.

Infine dopo sette giornate ci va di sottolineare le note positive e negative emerse in questo iniziale scorcio di stagione. Note positive: la squadra è viva, corre e lotta fino al novantesimo non dandosi mai per vinta; l'attacco finalmente quest'oggi ha mandato segnali di vita con i gol di Giannetti, Saviozzi e Petroni. Note negative: la difesa, dopo un periodo in cui  pareva aver trovato i suoi equilibri, è tornata ad incassare troppe reti. Tredici gol al passivo dopo sette turni sono un'enormità, infatti abbiamo la peggior difesa del girone al pari del Tirrenia; a volte sembriamo psicologicamente fragili, fatichiamo moltissimo a gestire il vantaggio, quest'oggi due volte in vantaggio siamo stati due volte raggiunti e poi superati.

Domenica prossima alla Cerbaie è atteso il fanalino di coda Aquacalda San Pietro a Vico. Inutile rimarcare che è l'ora di tornare al successo interno dove finora abbiamo raccolto appena tre punti  in altrettanti incontri.

 

 

MARGINONE – STAFFOLI 3-3

 

MARGINONE: Orsetti, Mini, Contini, Carmignani (61’ Conte), Ricci (84’ Paganelli), Peri, Paoli (60’ Picchi), Sarti (41’ Frateschi), Antoni, Pistoresi, Rotunno

A disposizione: Besson, Lici, Rinaldi, Spatola, Fedi

All.: Stefano Rinaldi

 

STAFFOLI: Cintolesi, Filidei, Guagliardo (41’ Orsucci), Michetti, Bozzolini (86’ Petroni), Della Maggiore, Saviozzi (85’ Sichi), Pagni, Cesari, Paolieri, Giannetti (65’ Habumuremyi, 91’ Sall)

A disposizione: Becagli, Di Mauro, Bandoni

All.: Tiziano Bizzarri

 

ARBITRO: Sig. Lorenzo Nencioli di Prato

 

RETI: 20’ GIANNETTI, 42’ Rotunno, 44’ SAVIOZZI, 72’ Mini, 85’ Rotunno, 88’ PETRONI

 

NOTE: Ammoniti Mini, Peri, Paolieri. Espulso Michetti al 76’ per somma di ammonizioni 

  


 

 STAFFOLI  -  SERRICCIOLO  1-2

 

28-10-2018 - Una sconfitta che brucia, parecchio. Una partita che poteva lanciarci nei quartieri alti della classifica ed invece siamo qua a leccarci le ferite con le ali tarpate da un Serricciolo, bravo, pragmatico e molto cinico quando ormai nemmeno loro ci credevano più. Si parte dalla fine: 87' minuto, in una delle loro sporadiche ripartenze - dopo essere rimasti in inferiorità numerica per l'espulsione al 68' di capitan Tonelli - i lunigianesi riescono ad alleggerire la pressione biancorossa e con un tenace e caparbio Vassallo praticamente da solo contro tutta la nostra difesa vanno a conquistare un calcio d'angolo. Il Serricciolo avanza ma con cautela. Palla a spiovere e Shqypi - giocatore di gran lusso per la categoria e nettamente il migliore in campo - indisturbato di testa fa secco Cintolesi facendo scendere il gelo sulle Cerbaie. 

Primo tempo molto tattico con davvero pochissime annotazioni di cronaca. Si lotta e si combatte a centrocampo ma portieri pressochè inoperosi. Per vedere una conclusione a rete degna di nota bisogna attendere il 38' quando Michetti da dentro l'area calcia di poco sopra la traversa. Due minuti dopo la risposta del Serricciolo con Iardella che s'invola in contropiede ma il suo tiro appena entrato  in area finisce alla destra di Cintolesi.

Ripresa con lo Staffoli rimasto negli spogliatoi e Serricciolo a fare la partita. Al 51' è Tonelli su azione di calcio d'angolo a mettere fuori da due passi. Passa un minuto e lo scatenato Shqypi fa letteralmente vedere i sorci verdi a tutta la nostra difesa: il suo tiro è respinto di piede da Cintolesi. Lo Staffoli non dà segni di vita, il gol è nell'aria e arriva al 57'. Manenti da dentro l'area mette in mezzo per una sfortunata deviazione di Della Maggiore. Il pur bravo Cintolesi stavolta non può niente: la sua imbattibilità cade dopo 359 minuti.

Staffoli alle corde, però non crolla e reagisce.  Al 62' Saviozzi mette in mezzo per la deviazione volante di Cesari, palla di poco sopra la traversa. 

Al 68' gli ospiti restano in dieci. Capitan Tonelli già ammonito si becca il secondo giallo. E qui  la partita cambia molto più di quanto si possa immaginare. Il Serricciolo arretra il baricentro e lo Staffoli inizia a premere ed al 77' arriva il pari. 

Habumuremyi fa fuori mezza difesa ospite servendo una palla invitante per l'accorrente Pagni: palla di giustezza nell'angolino opposto a quello di tiro e parità ristabilita.

Lo Staffoli adesso ci  crede, il Serricciolo non riparte più difendendo a pieno organico un pari  che a questo punto può essere accettato di buon grado. 

All'80' la palla buona per il sorpasso capita sui piedi di Cesari. Prezioso assist di Saviozzi dalla destra per lo smarcato bomber biancorosso il quale non aggredisce la palla con la dovuta grinta e cattiveria facendosi contrastare in qualche modo da Manenti.

Lo Staffoli non molla, il Serriciolo sembra sulle gambe. A tre minuti dalla fine però accade l'imponderabile nell'unica sortita offensiva degli ospiti negli ultimi venti minuti. 

Nel calcio quando non si riesce a vincere, a volte bisogna essere bravi a non perdere. Per come si era messa la partita sono molti i rimpianti  quest'oggi. Vero è che in parità numerica il Serricciolo ci è parso leggermente più squadra, ma quegli ultimi venticinque minuti in superiorità numerica ci lasciano molto, ma molto amaro in bocca.

 

 

STAFFOLI – SERRICCIOLO 1-2

 

STAFFOLI: Cintolesi, Filidei, Orsucci (87’ Guagliardo), Pagni, Bozzolini (65’ Giannetti), Della Maggiore, Saviozzi, Petroni (55’ Habumuremyi), Cesari, Paolieri, Michetti

A disposizione: Becagli, Bandoni, Sall, Sassano

All.: Tiziano Bizzarri

 

SERRICCIOLO: Scolari, Perini (68’ Gnoffo), Mencatelli, Tonelli, Manenti, Mameli, Marchionna, Shqypi, Iardella (65’ Vassallo), Bertolla, Tavoni

A disposizione: Santini, Michelucci, Iovanovitch, Lisi

All.: Paolo Bertacchini

 

ARBITRO: Sig. Matteo Macchini di Pistoia

 

RETI: 57’ Aut. Della Maggiore, 77’ PAGNI, 87’ Shqypi

 

NOTE: Ammoniti Paolieri, Pagni, Shqypi. Espulso Tonelli al 68’ per somma di ammonizioni

  


 

TAU ALTOPASCIO  -  STAFFOLI   0-0   d.t.s.  (Coppa Toscana)

 

24- 10- 2018 - Sono occorsi trenta minuti supplementari per certificare il passaggio agli ottavi di finale di Coppa Toscana del G.S. Staffoli, quando una sorte più benevola avrebbe potuto regalarci la qualificazione nei tempi regolamentari. 

Cintolesi porta a 302 minuti l’imbattibilità della propria porta e mai come stasera sono benedetti i centoventi minuti senza reti al passivo. Coadiuvato in questo primato da un assetto difensivo finalmente quadrato, solido e consapevole delle proprie possibilità nonostante alcune importanti defezioni. Della Maggiore e Filidei sugli scudi ma pure il baby Marco Bozzolini ha recitato alla perfezione il ruolo a lui assegnato: corretto, preciso e puntuale nelle chiusure senza alcun timore reverenziale, dimostra per la seconda partita consecutiva di meritare le attenzione che Mister Bizzarri gli sta dedicando.

La nostra qualificazione non fa una piega. Cintolesi si è visto calciare sopra la traversa una palla volante di Lenci sugli sviluppi di un calcio di punizione nel primo tempo, ha spinto fuori con lo sguardo una pericolosa girata di Biggi proprio al novantesimo ed ha accompagnato fuori un colpo di testa da ottima posizione sempre del centravanti amaranto, ma per il resto si è limitato all’ordinaria amministrazione chè di parate importanti davvero non ne ricordiamo.

Da parte nostra possiamo recriminare per una clamorosa traversa colta dal solito Cesari su solita imbeccata da calcio piazzato di Della Maggiore. Perentorio stacco quasi dal limite e palla indirizzata a rete: Lavorgna è battuto, ma la traversa salva l’Altopascio dalla capitolazione.

Ma non c’è stato solo questo. Pagni a non più di cinque metri dalla porta avversaria, anziché calciare di prima intenzione, cincischia non riuscendo a concludere. Saviozzi con un tiro a rientrare dal limite va a sfiorare il palo opposto,  Giannetti (buono il suo impatto in corsa sulla partita) nei supplementari si libera in area e calcia a botta sicura, prodezza di Lavorgna.

E poi tante buone ripartenze, tanta corsa e tanta convinzione sebbene l’avversario fosse di quelli tosti.

Se proprio dobbiamo muovere una critica quest’oggi è proprio la mancata concretezza sotto porta, perché la vittoria ci stava ed era alla nostra portata.

Tau Altopascio nervosissimo che termina la partita in dieci. Oltre al centravanti Biggi espulso pure il massaggiatore Incerpi, con il direttore di gara spesso intento a richiamare all’ordine tutta la panchina altopascese.

Consolazione platonica per gli amaranto mantenere l'imbattibilità stagionale.

Adesso negli ottavi di finale ce la vedremo contro il Certaldo, squadra già affrontata lo scorso anno in campionato con un bilancio di una vittoria per parte. 

 

 

TAU ALTOPASCIO – STAFFOLI 0-0 (dopo tempi supplementari)

 

TAU ALTOPASCIO: Lavorgna, Biondi, Casali, Vannucci (47’ Paoletti), Del Sarto, Giardini, Lenci (66’ Vanni Leonardo), Principe (74’ Tognotti), Biggi, Guidi (98’ Sardelli), Vanni Andrea

A disposizione: Bertenni, Lunardini, Franceschi, Balli

All.: Pietro Cristiani

 

STAFFOLI: Cintolesi, Filidei, Orsucci (89’ Guagliardo), Pagni (107’ Bandoni), Bozzolini, Della Maggiore, Saviozzi, Habumuremyi (54’ Giannetti, 107’ Petroni), Cesari, Paolieri, Michetti

A disposizione: Becagli, Sall, Sassano

All.: Tiziano Bizarri 

 

NOTE: Ammoniti Vannucci, Casali, Vanni Andrea, Del Sarto, Michetti, Giannetti, Saviozzi, Espulso Biggi al 115’ per proteste

  


 

TORRELAGHESE  -  STAFFOLI   0-1

 

21-10-2018 - Una sofferenza finale che ci rimanda il cuore in gola per ogni palla gettata in area nel serrate finale della generosissima Torrelaghese. Una vittoria però limpida e cristallina che poteva e doveva essere più larga se solo il direttore di gara non si fosse preso  la briga di annullare due reti apparse più che regolari: al 48' è Petroni a mettere dentro in mezza rovesciata su assist aereo di Orsucci e al 92' è Paolieri a siglare il raddoppio su confusa azione di contropiede, ma il Sig. Renieri di Firenze, per due fuorigioco cervellotici, ha detto no in entrambi  i casi, lasciando così la partita in bilico fino all'ultimo dei sei interminabili minuti di recupero. La decide un rigore sacrosanto del bomber Cesari all'84'. Incursione sulla fascia destra di Orsucci (aaah! se solo avesse i piedi più educati) palla rimessa al centro per un pericoloso tiro-cross, ma travolto da Magnani in disperata uscita. Impeccabile Cesari dal dischetto: palla da una parte e portiere dall'altra. 

Primo tempo molto tattico con un leggero predominio territoriale dei padroni di casa nella fase iniziale culminato al 16' con una chiara occasione da rete per Cantoni, il quale a tu per tu con Cintolesi si vede chiudere lo specchio dal nostro estremo difensore, molto attento e reattivo nell'occasione. Staffoli più propositivo nella seconda parte della prima frazione di gioco con l'occasione più ghiotta per passare in vantaggio che capita sui piedi di Cesari alla mezz'ora: Petroni si fa di  corsa quaranta metri palla al piede per servire in mezzo all'area un assist d'oro a Cesari. Botta a colpo sicuro da non più di sei/sette metri del nostro attaccante e traversa stampata in pieno quando già tutti gridavano al gol.

Secondo tempo con lo Staffoli a fare la partita. Oltre a quanto già descritto possiamo mettere sul piatto della bilancia una clamorosa occasione sprecata da Petroni e Saviozzi, i quali a due passi dalla porta avversaria non riescono a spingere in fondo al sacco un prezioso assist di Michetti. Prima la buca Petroni,  e subito dietro fa altrettanto Saviozzi, forse ingannato dalla mancata deviazione vincente del suo compagno. Partita che sembra ormai incanalata sul nulla di fatto quando all'84'  Orsucci si inventa la giocata già descritta. 

Finale all'arma bianca della Torrelaghese senza schemi e senza logica, ma eccetto cuore e gambe che fruttano qualche mischione fuori ordinanza, accade poco fino alla fine. 

Torrelaghese alla terza  sconfitta interna su altrettante partite e ancora a quota zero nel casellino reti fatte fra le mura amiche. Staffoli al primo successo esterno stagionale con la porta inviolata per la seconda domenica consecutiva.

Classifica adesso più sorridente e che ci permette di guardare al futuro con maggiore serenità e ottimismo.

Domenica alla "Cerbaie" è atteso il lanciatissimo Serricciolo (MS), squadra senz'altro di rango per testare se e quanto siamo realmente cresciuti.

Prima però c'è da giocare, Mercoledi 24 Ottobre alle ore 20,30, il sedicesimo di finale di Coppa Toscana sul difficile terreno del  Tau Altopascio.

 

 

TORRELAGHESE – STAFFOLI 0-1

 

TORRELAGHESE: Magnani, Giuntoni, Sartini (85’ Da Prato), Ratti, Pacini, Francini, Berti, Barsotti, Cantoni, Ragonesi, Passaglia (70’ Del Sarto)

A disposizione: Aperti, Piattelli, Scardina, Cinquini, Valentini, Caneschi

All.: Massimiliano Bucci

 

STAFFOLI: Cintolesi, Filidei, Del Vita (34’ Bozzolini), Pagni, Sall (21’ Orsucci), Della Maggiore, Saviozzi, Michetti (79’ Sichi, 89’ Bandoni), Cesari, Paolieri, Petroni (85’ Habumuremyi)

A disposizione: Becagli, Giannetti, Guagliardo

All.: Tiziano Bizzarri

 

ARBITRO: Sig. Tommaso Renieri di Firenze

 

RETE: 84’ rig. CESARI

 

NOTE: Ammoniti Ragonesi, Pacini, Magnani, Pagni, Bandoni 

 


 

STAFFOLI  -  RIVER PIEVE  1-0

 

07/10/2018 - Dopo quasi otto mesi torniamo finalmente al successo interno. Era infatti dallo scorso 11 Febbraio contro il Montelupo che non portavamo a casa i tre punti fra le mura amiche. Successo soffertissimo, ma meritato, voluto con le unghie e coi denti per ridare ossigeno ad una classifica asfittica e pericolosa, nonchè per guadagnare in autostima e morale. 

Considerando le ultime poco fortunate uscite, stavolta Mister Bizzarri sceglie uno schieramento più coperto con una sola punta di ruolo lasciata a sportellare contro  tutta la difesa avversaria. Cesari quest'oggi ha lottato e combattuto, spizzando una grande quantità di palle aeree fino a trovare l'incornata vincente a metà ripresa. Solita punizione dalla trequarti di Della Maggiore e colpo di testa vincente ad incrociare nel sette opposto del nostro centravanti ancora una volta a segno: si tratta del terzo centro consecutivo. 

Primo tempo molto tattico con davvero poco o niente da segnalare. Lo Staffoli rimane guardingo sulla propria trequarti, mentre il River Pieve fatica molto a pungere anche se l'asse di sinistra con Angeli e Satti sembra funzionare dando qualche grattacapo alla nostra difesa. 

Quando i nostri ragazzi provano ad affacciarsi nella metà campo avversaria sono costantemente in inferiorità numerica, dacchè Papeschi rimane pressochè inoperoso.
L'impressione è che nella ripresa qualcosa si dovrà cambiare per provare a portare a casa il match. Si riparte però senza sostituzioni da nessuna delle due parti. 

Al 47' la palla buona capita sui piedi di Cesari che, smarcato in area da un maldestro retropassaggio del River, da favorevole posizione spara alle stelle. Dopo due minuti però sono gli ospiti a sfiorare il gol: magistrale punizione di Di Salvatore dai venti metri e palo centrato in pieno.

Fuori un impalpabile Michetti e dentro Federico Pagni, lo Staffoli ne giova e comincia a premere. Al 58' un colpo di testa di Marchetti in proiezione offensiva costringe Papeschi alla corta respinta sulla quale il più lesto è Cesari, ma il suo tap-in sempre di testa finisce sulla traversa. Lo Staffoli ci crede e dopo poco viene premiato col gol già descritto. 

La paura di vincere però attanaglia un po' i nostri ragazzi che a volte rinculano eccessivamente dando campo al River Pieve indomito fino alla fine.

Al 73' una punizione di Angeli deviata dalla barriera costringe Cintolesi ad un'autentica prodezza per togliere la palla destinata in fondo al sacco. 

Da segnalare l'ingresso di Habumuremyi in luogo di uno sfinito Di Mauro. Bravo il ragazzino nelle ripartenze e nel dare respiro alla nostra difesa schierata nel finale di partita anche a sei uomini. 

Si fa muro e si  tiene botta fino al 95' portando a casa la vittoria con la porta di Cintolesi per la prima volta inviolata in questa stagione.

Tre punti preziosissimi per una classifica che al momento ci vede fuori dalla pericolosa zona rossa.

Domenica prossima il campionato si ferma per la Uefa Region's Cup. 

Si torna in campo Domenica 21 Ottobre per la trasferta contro la Torrelaghese sul campo di Bozzano.

 

 

STAFFOLI - RIVER PIEVE 1-0

 

STAFFOLI: Cintolesi, Marchetti (78’ Guagliardo), Del Vita, Filidei, Paolieri, Della Maggiore, Saviozzi, Michetti (49’ Pagni), Cesari, Sichi (68’ Orsucci), Di Mauro (60’ Habumuremyi)

A disposizione: Becagli, Petroni, Giannetti

All.: Tiziano Bizzarri

 

RIVER PIEVE: Papeschi N., Pioli, Angeli, Byaze (75’ Maggi), Tolaini, Fontana (68’ Condè), Satti, Vitelli, Catalini (65’ Papeschi M.), Di Salvatore, Giannotti (65’ Friz)

A diposizione: Micchi M., Turri, Micchi L.

All.: Edoardo Micchi

 

ARBITRO: Sig. Fallou Loun di Carrara

 

RETE: 63’ CESARI

 

NOTE: Ammoniti Michetti, Saviozzi, Paolieri, Pioli, Tolaini, Condè

 


 

PONTE A MORIANO  -  STAFFOLI  3-3

 

28/09/2018 - Sfortuna, dabbenaggine, ingenuità, chiamiamola un po' come vogliamo, fatto sta che oggi abbiamo veramente gettato due punti alle ortiche. Nonostante l'osticità e la malizia del Ponte  a Moriano - compagine imbottita di giocatori d'esperienza, uno su tutti, Mirko Taccola 48 anni - quest'oggi dobbiamo seriamente recitare il mea culpa per una vittoria sfumata sul filo di lana. 

Partita pirotecnica che ha tenuto il pubblico presente inchiodato sugli spalti fino al 95', quando il Sig. Ferretti di Pistoia ha detto che così poteva bastare. 

Dicevamo di vittoria sprecata poichè i nostri  ragazzi sono stati  incapaci di gestire, prima, il doppio vantaggio, e successivamente, il 2-3 nel finale con l'uomo in più: ce n'è abbastanza su cui rimuginare prima di prender sonno.

Bravissimo il Ponte a Moriano a crederci e a non arrendersi mai  anche quando sembrava tutto perduto.

Apre le danze il centrocampista tascabile Sichi - un gigante oggi a dispetto della statura minuta - con un tiro dal limite che finisce nel sette alla destra dell'incolpevole Gonnella. Sterile reazione dei padroni di casa e Staffoli al raddoppio al 36'. Punizione dalla trequarti scodellata in area da Della Maggiore e ancora Sichi di testa in tuffo trova l'angolino più lontano per quello che sembra essere il gol del KO per i bianconeri  locali. Si va al riposo sul doppio vantaggio. 

Ripresa col Ponte a Moriano votato alla fase offensiva e Staffoli un po' in affanno  sulle ripartenze. Su azione di calcio d'angolo al 54' è Bitep (primo tempo un po' in ombra ma devastante nella ripresa) lesto sotto rete a riaprire l'incontro. Non succede molto da qui al 74' quando Tarantino  - altro marpione dei campi  di calcio, in grado di procurarsi una quantità industriale di calci di punizione - su calcio piazzato mette in mezzo all'area per l'incornata vincente ed indisturbata ancora di Bitep. Sul primo gol la difesa biancorossa non è parsa esente da colpe, qui la colpevolezza non necessita nemmeno di un processo. 

Appena il tempo di  aggiornare il tabellino che Cesari lanciato a rete viene travolto in area da Taccola, ultimo uomo. Rosso sacrosanto per l'esperto difensore morianese e rigore che lo stesso Cesari trasforma  con una botta secca a mezza altezza alla destra di Gonnella.

A dodici minuti dal termine e con l'uomo in più sembra fatta. Il Ponte a Moriano però non molla, la butta in caciara con falli e simulazioni di ogni genere e all'88' vengono premiati. Ancora una palla inattiva gettata in area un po' a caso e difesa staffolese di nuovo in difficoltà: ne nasce una mischia, Tornaboni termina a terra e per il direttore di gara è rigore. Tarantino firma il definitivo 3-3.

Sostanzialmente il pari può dirsi abbastanza giusto per quanto visto in campo, ma certo i nostri ragazzi prima in doppio vantaggio e poi di nuovo avanti con l'uomo in più hanno di che mordersi le mani.

Più in generale sono sembrate due squadre ancora in cerca di una precisa identità: identità da trovare quanto prima, sia perchè la classifica piange, sia perchè entrambe le compagini, per quanto visto  oggi, hanno evidenziato preoccupanti lacune.

 

 

PONTE A MORIANO - STAFFOLI 3-3

 

PONTE A MORIANO: Gonnella, Bini (79’ Landi), Pardini, Tornaboni (91’ Ghilardi), Michelotti (54’ Garofalo), Taccola, Trapani, Polpetta (87’ Laftimi), Bitep, Tarantino, Ridolfi (59’ Ricci)                          A disposizione: Cobbinah, Bianchini                                      All.: Manuel Lencioni

 

STAFFOLI: Cintolesi, Della Maggiore, Filidei, Orsucci (92’ Habumuremyi), Paolieri, Del Vita, Pagni, Petroni (64’ Giannetti), Cesari, Sichi, Saviozzi (89’ Guagliardo)                                                A disposizione: Becagli, Bozzolini, Michetti, Bandoni                    All.: Tiziano Bizzarri

 

ARBITRO: Sig. Filippo Ferretti di Pistoia

 

RETI: 14’ e 36’ SICHI, 54’ e 76’ Bitep, 78’ rig. CESARI, 88’ rig. Tarantino 

 

NOTE: Ammoniti Del Vita, Saviozzi. Espulso Taccola al 78’ 

 


 

STAFFOLI  -  DIAVOLI NERI GORFIGLIANO  1-2

 

23/09/2018 - Non va come vorremmo e come ci eravamo immaginato. Serve quanto prima un'inversione di marcia. Non è il caso di farne un dramma, ma nemmeno di alzare bandiera bianca e lasciarsi andare: guai!

Usciamo a mani vuote anche da questo secondo turno e oggi come Domenica scorsa non abbiamo  grossi rimpianti da mettere sul piatto della bilancia: la sconfitta ci sta tutta. In due turni di campionato, oltre a non aver raccolto niente, mandiamo alla cronache tre rigori  al passivo e ben tre espulsioni. Numeri da bloccare e mettere sotto controllo prima che sia troppo tardi. Buona squadra quella di Gorfigliano, atleticamente e tecnicamente ben preparata, senz'altro in grado di mantenere fede ai pronostici d'inizio stagione quando gli addetti  ai lavori indicavano i biancorossoneri fra le squadre più attrezzate per il salto di categoria. 

Primo tempo che vede i garfagnini fare maggiormente  la partita creando qualche grattacapo di troppo alla nostra difesa culminata in un paio di furibonde mischie nell'area staffolese, senza tuttavia trovare la zampata vincente. Di contro i nostri ragazzi rispondono con un tiro da fuori di Sichi messo in angolo dal bravo Carvajal e soprattutto con Cesari che al 39' gira prontamente in area ma trova  piazzatissimo il reattivo estremo difensore ospite. Si va al riposo a reti bianche, ma l'impressione generale è  che nella ripresa ci sarà da soffrire.

Al 48' un clamoroso liscio di Di Mauro in fase difensiva spalanca il contropiede di Pellegrinotti: palla all'accorrente Morelli e Gorfigliano  in vantaggio. 

Appena il tempo di annotare un colpo di  testa di Saviozzi messo in angolo da Carvajal, che Di Mauro a quaranta metri dalla porta non trova di meglio che stendere Pellegrinotti  lanciato  a rete: rosso diretto e Staffoli in dieci.

Ma la reazione dei nostri ragazzi c'è e l'inferiorità numerica non si nota. Al 58' il pari sembra cosa fatta. Habumuremyi (subentrato all'evanescente Petroni) da non più di cinque/sei metri scavalca  con un mezzo pallonetto Carvajal in uscita, ma la palla termina fuori di un niente.  Lo Staffoli ci prova ma si espone inevitabilmente alla rapide ripartenze dei garfagnini i quali sfiorano ripetutamente il raddoppio. Solo uno strepitoso Cintolesi ci tiene in vita, almeno fino al 78' quando Pellegrinotti si libera in area: scomposto e in ritardo l'intervento da dietro di Marchetti. Rigore inevitabile e secondo giallo per il nostro difensore. Di giustezza l'esperto Pennucci non dà scampo al pur bravo Cintolesi. Staffoli in nove e notte fonda per i nostri ragazzi. 

Nonostante tutto al 92' un affondo di Guagliardo (subentrato a Sichi) sulla fascia destra fa sì che Cesari possa spingere in rete di testa la palla per l'1-2. Ma non c'è più tempo, finisce qui.

Domenica andiamo a Sant'Alessio (Lucca) contro il Ponte a Moriano, altra squadra partita col freno a mano tirato e ancorata, come a noi, sul fondo classifica.

Serve un'inversione di tendenza e un segnale di vita da mandare a tutto il campionato, ma soprattutto a noi stessi.

 

 

STAFFOLI – DIAVOLI NERI GORFIGLIANO 1-2

 

STAFFOLI: Cintolesi, Marchetti, Saviozzi, Di Mauro, Del Vita, Della Maggiore, Sichi (68’ Guagliardo), Michetti, Cesari, Giannetti (46’ Bandoni), Petroni (56’ Habumuremyi)  

A disposizione: Becagli, Orsucci, Bozzolini, Filidei                    All.: Tiziano Bizzarri

 

DIAVOLI NERI GORFIGLIANO: Carvajal, Della Croce (87’ Gori), Alfredini (79’ Benansi), Pennucci (79’ Magazzini), Tonelli, Manfredi, Bonini (88’ Coiai), Crudeli (72’ Cassettai G.), Pellegrinotti, Cassettai A., Morelli 

A disposizione: Vanni, Orsi D., Coli, Orsi I.                            All.: Gabriele Zuddas  

  

ARBITRO: Sig. Giacomo Tuccoli di Livorno

 

RETI: 48' Morelli, 78’ rig. Pennucci, 92’ CESARI

  

NOTE: Ammonito Della Croce. Espulsi Di Mauro al 52’ e Marchetti al 78’ per somma di ammonizioni.

 


 

STAFFOLI  -  SANROMANESE VALDARNO  2-2   (Coppa Toscana)

 

19/09/2018 - Uno Staffoli tosto, rognoso e quadrato conquista un prezioso pareggio, supera il turno di Coppa Toscana ed accede alla fase successiva ad eliminazione diretta.

In doppio vantaggio alla fine del primo tempo i ragazzi di Mister Bizzarri (anche questa sera alle prese con numerose defezioni) subiscono, nella ripresa, il ritorno rabbioso dei gialloblu, ma stringono i denti e portano a casa la preziosa qualificazione.

 

 

STAFFOLI – SANROMANESE VALDARNO 2-2

 

STAFFOLI: Cintolesi, Del Vita, Orsucci, Pagni, Della Maggiore, Bozzolini, Saviozzi, Michetti (Sichi), Cesari, Paolieri, Giannetti (Petroni)

A disposizione: Becagli, Bandoni, Guagliardo, Beconcini, Bartalesi

All.: Tiziano Bizzarri

 

SANROMANESE VALDARNO: Castagnoli, Bitozzi, Giani, Garzelli, Borghini, Citi, Merlini, Falcioni, Botrini, Maccari, Lorenzini

A disposizione: Romano, Scali, Telleschi, Di Candia, Cammilli

All.: Fabio Chetoni

 

RETI: GIANNETTI al 27’, PAOLIERI al 28’, Falcioni al 54’, Botrini al 58’

   

ARBITRO: Sig. Jannello di Lucca

 

NOTE: Ammoniti Giannetti, Bozzolini, Pagni, Falcioni. Epulso Lorenzini al 91' 

 


 

FORTE DEI MARMI  -  STAFFOLI  3-1

 

16/09/2018 - Brutta falsa partenza, poco da dire. Sul sintetico di Via Versilia il Forte dei Marmi si impone sullo Staffoli con un netto 3-1 che lascia adito a poche recriminazioni. Risultato forse troppo severo per i biancorossi, ma vittoria dei versiliesi che non fa una piega. Squadra compatta, agile, veloce e tecnicamente molto preparata quella biancoblu in grado di coprire con la dovuta maestria ogni zona del ristretto campo di gioco. Staffoli, di contro, piuttosto sfilacciato con un centrocampo più adatto a distruggere che non a costruire: Pagni e Michetti sono due interditori, mentre Paolieri molto spesso viene lasciato da solo nelle grinfie dei mastini avversari chè fatica enormemente a dettare i tempi di gioco.

La prima palla gol è per i locali e càpita sui piedi di Gianluca Tedeschi: praticamente un calcio di rigore in movimento che il centrocampista biancoblu cestina sparando alle stelle. La replica biancorossa è sui piedi di Saviozzi innescato da un maldestro retropassaggio della difesa versiliese. A tu per tu con Barsanti non trova di meglio che centrarlo in pieno nella sua disperata uscita. Partita che prosegue sui binari di un fragile equilibrio. Al tramonto  del primo tempo l'episodio che indirizza il match. Sciagurata uscita di Cintolesi che travolge Tarabella, rigore ineccepibile. Lossi s'incarica della trasformazione facendo centro alla sinistra dell'estremo difensore biancorosso. 

La ripresa si apre con uno sterile forcing staffolese, ma a salire in cattedra per i locali è Giacomo Tedeschi. Al 54' ubriacante azione sulla fascia sinistra e palla messa in mezzo per la personale doppietta di Lossi: da non più di quattro metri  deve solo spingere in rete.  Staffoli tramortito ma nonostante tutto non ancora al tappeto, sebbene la sua spinta fatichi non poco a creare grattacapi alla difesa locale. Al 74' però il gol sarebbe arrivato. Punizione dalla trequarti di Della Maggiore, incornata dal limite di Cesari e palla nel sette. Fra lo stupore generale il  Sig. Barretta invalida il gol per un fuorigioco apparso quantomeno dubbio. Passano appena due minuti e stavolta il gol è valido. Michetti da una ventina di metri direttamente su calcio di punizione piega le mani ad un non irreprensibile Barsanti: 2-1 e partita riaperta. 

Lo Staffoli ci crede, il Forte dei Marmi sembra un po' sulle gambe. A quattro minuti dal termine l'occasione per impattare il match càpita sulla testa di Cesari che, pressato, trova il tempo per lo stacco, ma la sua conclusione finisce di poco sopra la traversa. Sul ribaltamento di fronte è l'indemoniato Giacomo Tedeschi a procurarsi il secondo rigore della giornata per la sua squadra. Dribbling in area ai danni di Pagni il quale lo strattone inducendo il direttore di gara a fischiare il penalty con tanto di ammonizione ed espulsione per doppio giallo ai danni del centrocampista biancorosso. Lossi di nuovo impeccabile dal dischetto fa tripletta. 

Sinceramente ci attendevamo un altro avvio. Partiamo male, come lo scorso anno. A parziale giustificazione annotiamo le defezioni per infortunio di alcuni ragazzi, ma non ci sembra il caso di cercare scusanti per una sconfitta che onestamente ci sta tutta. 

C'è da rimboccarsi le maniche e lavorare sodo, mentre il Forte dei Marmi catapultato dalla giustizia sportiva in Prima Categoria non più di una decina di giorni fa, sembra avere le carte in regola per disputare un campionato da protagonista.

Domenica prossima esordio casalingo contro i Diavoli Neri di Gorfigliano, quest'oggi vittoriosi. Inutile dire che ci attendiamo un pronto riscatto. Prima però, Mercoledi 19 Settembre, ci sarà l'impegno di Coppa Toscana al campo Sportivo Petroio contro la Sanromanese. Ricordiamo che per superare il turno ai nostri ragazzi  sarà sufficiente il pareggio.

 

 

FORTE DEI MARMI – STAFFOLI 3-1

 

FORTE DEI MARMI: Barsanti, Lupoli, Gabrielli, Antonucci, Benedetti (78’ Lorenzi), Coppede, Tedeschi Giacomo, Tedeschi Gianluca, Tarabella (74’ Tonacci), Lossi, Francioni

A disposizione: Jacopi, Angeli, Pagni, Celi, Neri

All.: Giacomo Vannoni

 

STAFFOLI: Cintolesi, Guagliardo (57’ Sichi), Orsucci, Pagni, Del Vita, Della Maggiore, Saviozzi, Michetti, Petroni (55’ Giannetti), Paolieri, Cesari

A disposizione: Guerrieri, Bandoni, Beconcini, Bartalesi, Filidei

All.: Tiziano Bizzarri

 

ARBITRO: Sig. Barretta di Pistoia

 

RETI: Lossi al 42’ (rigore), Lossi al 54’, MICHETTI al 76’, Lossi all'87’ (rigore) 

 

NOTE: Ammoniti Antonucci, Tedeschi Gianluca, Guagliardo, Cintolesi. Espulso Pagni all’87’ per somma di ammonizioni.


 

CAPANNE  -  STAFFOLI   1-3  (Coppa Toscana)

 

09/09/2018 - Buona la prima. Staffoli corsaro al Valleverde delle Capanne con un perentorio 3-1, dopo essersi portato addirittura sul triplo vantaggio. Biancorossi in formazione largamente rimaneggiata stante le squalifiche di Cesari e Del Vita alle quali dobbiamo aggiungere le defezioni per infortuni di Filidei, Marchetti e Sichi. Ben sette i nuovi innesti nell'undici titolare rispetto alla scorsa stagione. Ciò nonostante la squadra schierata da Mister Bizzarri ha tenuto bene il campo per tutti i novanta minuti, dando raramente la sensazione di accusare il ritorno dei rossoverdi locali e portando a casa una sudata ma meritata vittoria. Primo tempo molto tattico con ambedue le compagini molto coperte più intente a non prenderle piuttosto che a darle, sebbene le Capanne avessero l'impellente necessità di fare bottino pieno dopo la sconfitta nella gara inaugurale contro la Sanromanese.

La prima palla gol è per i locali e càpita sulla testa di Novi che tutto solo su una punizione dalla trequarti impatta di testa costringendo Cintolesi alla deviazione in corner. Pronta la risposta dei biancorossi con Petroni che sempre di testa va a sfiorare l'angolino alla destra della porta difesa da Mazziotta. Al 34' la palla più clamorosa per passare in vantaggio ce l'ha però Paolieri che, sempre di testa, a due passi dalla porta avversaria non inquadra lo specchio. Quando le due squadre già assaporavano il meritato intervallo - giornata molto calda quest'oggi - arriva il fallo da rigore su Petroni spintonato in area. S'incarica della trasformazione capitan Della Maggiore che spiazza nettamente Mazziotta. Si va al riposo con i biancorossi avanti. La ripresa si apre con le Capanne all'assalto all'arma bianca: prima un colpo di testa di Giani da buona posizione spedisce la palla sopra la traversa, subito dopo una mischia furibonda in area staffolese non trova la zampata giusta per ristabilire la parità. Sul ribaltamento di fronte è Petroni scattato sul filo del fuorigioco, su lancio dalle retrovie di Di Mauro, a presentarsi a tu per tu con l'estremo difensore capannese trafiggendolo in uscita. Siamo al 54', doppio vantaggio per lo Staffoli e Capanne al tappeto. Passano dieci e minuti e Saviozzi (il migliore dei nostri) trova dal limite un drop al volo che dopo aver baciato la parte interna del palo va a spegnersi in fondo al sacco. Dopo 3 minuti è Bracci (il migliore dei suoi) a segnare il gol della bandiera per le Capanne scavalcando Cintolesi con un preciso pallonetto. Il tempo per rimettere in piedi la partita per i locali ci sarebbe, ma lo Staffoli fa muro ed eccetto un paio di mischie succede davvero poco da qui alla fine. Si parte col piede giusto: una vittoria che fa morale e ci proietta in testa al girone di Coppa Toscana. Da segnalare la buona conduzione di gara del Signor Frasca di Pisa con un arbitraggio molto all'inglese, a volte anche troppo tollerante tant'è che contiamo solo un ammonito nelle fila rossoverdi proprio nel finale di partita.

Domenica parte il campionato con la trasferta a Forte Dei Marmi e sinceramente non poteva esserci miglior viatico. 

 

 

 

CAPANNE – STAFFOLI 1-3

 

CAPANNE: Mazziotta (46’ Salvadori), Caponi (73’ Dettori), Zuchegna, Bacci, Nacci (68’ Rossella), Lamberti, Bracci, Giani, Novi (75’ Fogli Federico), Boni, Cordua

A disposizione: Rossi, Fogli Stefano, Tamberi

All.: Stefano Valori

 

STAFFOLI: Cintolesi, Orsucci (68’ Giannetti), Guagliardo, Pagni, Di Mauro, Della Maggiore, Habumuremyi, Michetti, Petroni (83’ Bozzolini), Paolieri, Saviozzi

A disposizione: Guerrieri, Bartalesi, Beconcini, Bandoni

All.: Tiziano Bizzarri

 

Arbitro: Sig. Frasca di Pisa

 

RETI: DELLA MAGGIORE al 48’ pt (rigore), PETRONI al 54’, SAVIOZZI al 64’, Bracci al 67’ 

 

NOTE: Ammonito Nacci